Vulcani attivi

etna2001
vulcani attivi
La figura rappresenta i vulcani considerati attivi. In parentesi la data dell'ultima eruzione.

I vulcani sono una delle manifestazioni più appariscenti e spettacolari dei processi geodinamici che operano all'interno della terra e la vulcanologia è la scienza che ne studia il comportamento.

La conoscenza dei vulcani e dei meccanismi che li governano riveste un ruolo di primaria importanza non solo per meglio comprendere l'evoluzione del nostro pianeta ma anche nella valutazione della pericolosità ad essi associata

 

Vulcani italiani attivi

Sul territorio Italiano esistono almeno dieci vulcani attivi, ovvero che hanno dato manifestazioni negli ultimi 10.000 anni:

Colli Albani | Campi Flegrei | Vesuvio | Ischia | Stromboli | Lipari | Vulcano | Etna | Pantelleria | Isola Ferdinandea.

Solo Stromboli e Etna sono in attività persistente, ovvero danno eruzioni continue o separate da brevi periodi di riposo, dell'ordine di mesi o di pochissimi anni. Ma tutti questi vulcani possono produrre eruzioni in tempi brevi o medi.

Questi sistemi vulcanici vengono monitorati tramite sistemi multiparametrici integrati e la raccolta di informazioni circa lo stato di attività è affiancata dallo studio dei dati raccolti nel corso di eventi eruttivi importanti.



etna iconaAttività eruttive in corso

I comunicati sono a cura delle sezioni INGV di Catania, Napoli - Osservatorio Vesuviano e Palermo.

Studi geologici e vulcanologici sono essenziali alla comprensione dei sistemi vulcanici, al riconoscimento delle attività tipiche di ciascun vulcano, ed alla stima della probabilità di ricorrenza nel tempo di un certo tipo di attività vulcanica.

L’elevata frequenza delle eruzioni effusive nel nostro paese ha contribuito enormemente alla creazione della base di conoscenze necessarie alla previsione delle eruzioni di questo tipo, ed alla organizzazione di un adeguato ed innovativo sistema di monitoraggio multiparametrico e multidisciplinare.

Le recenti eruzioni laterali dell'Etna e dello Stromboli hanno fornito l’opportunità di testare direttamente i diversi metodi di sorveglianza per questo tipo di eventi.

Sul territorio italiano esistono almeno dieci vulcani attivi. Anche se di questi solo due sono in attività persistente (Stromboli ed Etna), tutti possono produrre eruzioni in tempi brevi o medi.

Questi sistemi vulcanici vengono monitorati tramite sistemi multiparametrici integrati e la raccolta di informazioni circa lo stato di attività è affiancata dallo studio dei dati raccolti nel corso di eventi eruttivi importanti.

Maggiori informazioni nelle sezioni dedicate al monitoraggio dei vulcani.



Fototeche e videoteche sui vulcani

Nota. Immagini e video sono scaricabili liberamente e la riproduzione è autorizzata solo se la fonte è citata in modo esauriente e completo.
Quando presente, citare l'Autore seguito da: © INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. In caso contrario riportare solo © INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

d14 ingvpiAree vulcaniche, studio di campioni, modelli numerici e mappe: galleria foto e video a cura della Sezione di Pisa: vulcanologia e magmatologia | modellistica fisico-matematica dei processi vulcanici | geomorfologia e tettonica | video.
In figura: confronto tra l'osservazione e i risultati della simulazione numerica dell'eruzione vulcaniana a Soufrière Hill Volcano, Montserrat (Clarkeet al. 2002, A.B.).

 

2 10 1989 ingvctAree vulcaniche, campioni e strumentazioni: galleria fotografica a cura della Sezione di Catania.
In figura: eruzione dell' Etna del 2.10.1989 - Tracimazione del canale lavico.

 

campo fumarolico orlo crateri ingvpa Immagini panoramiche e riprese di attività eruttive di Etna e Stromboli a cura della Sezione di Palermo.
In figura: Stromboli - campo fumarolico orlo crateri, aprile 2007.
1original ingvac Miscellanea sui vulcani. In figura: panorama del Vesuvio.

 





Ricerche vulcanologiche

L'INGV svolge ricerche vulcanologiche che abbracciano tematiche molto ampie. Queste ricerche vanno dagli studi sulla struttura profonda dei vulcani e sulla genesi dei magmi, alla ricostruzione della loro storia eruttiva, allo studio delle dinamiche di risalita ed eruzione.
Parallelamente, le attività di sorveglianza vulcanica permettono di rilevare le più piccole perturbazioni dei parametri geofisici e geochimici e le variazioni nell'attività eruttiva, con l'obiettivo di prevedere possibili futuri eventi eruttivi e l'evoluzione dei fenomeni eruttivi.
Tali ricerche hanno un carattere fortemente multidisciplinare, in grado di integrare studi di terreno e di laboratorio sui prodotti delle eruzioni con i dati acquisiti dalle reti di osservazione e di monitoraggio e con lo sviluppo ed applicazione di modelli fisico-matematici dei processi.

L'Italia ha un'antica tradizione in vulcanologia: le lettere di Plinio il Giovane a Tacito, in cui viene narrata la famosa eruzione Vesuviana del 79 d.C. che distrusse Pompei ed Ercolano, rappresentano di fatto la nascita della vulcanologia; l'Osservatorio Vesuviano, nato nel 1841 ed attuale sezione di Napoli dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, è stato il primo osservatorio vulcanologico al mondo; numerosi vulcani italiani, quali Vesuvio, Stromboli, Campi Flegrei ed Etna, sono tra i vulcani più studiati e sorvegliati al mondo. Oggi, l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia continua questa tradizione.

Progetti e convenzioni

Le ricerche vulcanologiche e la sorveglianza vulcanica fanno riferimento a progetti e convenzioni con il Dipartimento di Protezione Civile, il Ministero Università Ricerca, l'Unione Europea, il Consorzio per l'attuazione del Programma Nazionale di di Ricerche in Antartide e altri organismi.

Pubblicazioni

I risultati di attività sono illustrati nelle pubblicazioni presenti su Earth-Prints, l'archivio aperto dedicato alle geoscienze.
Earth prints comprende articoli scientifici, report, tesi di dottorato, atti di convegno, poster.
Puoi consultare www.earth-prints.org per aree di interesse:
Colli Albani | Campi Flegrei | Vesuvio | Ischia | Stromboli | Lipari | Vulcano | Etna | Pantelleria | Isola Ferdinandea.